castel toblino

Il quarto incontro di questa stagione si svolge dal 25 al 27 maggio e ha come meta la Valle dei Laghi (a venti minuti da Trento) dove, in un trionfo di colori e di profumi, convivono vegetazione alpina e mediterranea. In questa zona, circondata e protetta dalle Dolomiti, è l’acqua a dominare il paesaggio, con la sua forza e la sua vitalità.
Un’occasione più unica che rara sarà la visita di Castel Toblino. Le porte di questo maniero privato (non aperto al pubblico) si apriranno  per noi di Arance di Natale!
Raro e splendido esempio di fortificazione lacustre, si erige su uno sperone roccioso staccatosi dalla montagna sovrastante e finito nel lago. Numerose le leggende che lo rendono uno dei più misteriosi e affascinanti castelli del Trentino.

Avremo poi modo di visitare la Centrale Idroelettrica di Santa Massenza, una tra le più grandi in caverna del mondo. Un viaggio affascinante alla scoperta delle meraviglie che custodisce, un’esperienza sorprendente attraverso percorsi inediti dove l’acqua diventa energia.
Non mancheranno le degustazioni di vini e grappe di questo territorio, ricco di pregiati vitigni e di antiche distillerie, e del famoso vino santo trentino, il “passito dei passiti”.
Un incontro davvero interessante al quale è d’obbligo partecipare!

 vallelaghi titolo

Poco distante dalla città di Trento e dalla parte settentrionale del Lago di Garda, protetta dalle Dolomiti, si apre la Valle dei Laghi, un vero trionfo di colori grazie alla forte presenza d’acqua (laghi di Terlago, Santa Massenza, Toblino e Cavedine e altri più piccoli) e alla vegetazione mediterranea e alpina. Il particolare microclima rende questa zona l’habitat ideale per la coltivazione della vite, dell’ulivo e alberi da frutto e per specie botaniche molto rare nell’ambiente montano.

Uno dei paesi della valle è Santa Massenza che detiene il primato della più alta concentrazione in tutta Italia di distillerie artigianali a conduzione familiare. Nel piccolo borgo, meno di 130 abitanti, sono oggi funzionanti cinque distillerie ma, fino agli anni ’80, erano ben tredici.
I produttori di Santa Massenza vigilano sulla qualità di un prodotto realizzato secondo un rigido disciplinare dalle famiglie che ne perpetuano la tradizione. A partire dalla lavorazione di vinacce locali (che determinano profumazioni diverse a seconda della valle di provenienza: Valle di Cembra, Piana Rotaliana, Valle dei Laghi, Nosiola, Vallagarina, Marzemino), per procedere con la distillazione “a bagnomaria” all'interno degli alambicchi di rame, arte centenaria tramandata di padre in figlio e operata da mastri distillatori in modeste quantità quando la vinaccia è ancora fresca e profumata. Nel corso dell'operazione, i mastri distillatori separano l'essenza in testa, coda e cuore, eliminando le prime due e mantenendo solo quest'ultima, che rappresenta il meglio della produzione.

I ghiacciai dell’Adamello alimentano torrenti, fiumi e laghi ed è proprio da questi, grazie a un sistema capillare di gallerie scavate nel cuore della montagna e condotte forzate, che l’acqua alimenta la Centrale Idroelettrica di Santa Massenza per raggiungere poi il Lago di Garda.
La centrale fu progettata da Giovanni Muzio, architetto milanese artefice del Palazzo della Triennale di Milano e della Basilica dell’Annunciazione di Nazareth. Entrata in funzione nel 1953, fu ufficialmente inaugurata il 23 ottobre 1955. All’epoca della sua costruzione era la più potente in Europa.
La sala macchine della centrale è costruita nelle viscere del Monte Gazza e vi si accede percorrendo un tunnel lungo 400 metri. Le dimensioni della sala sono da record: 150 mila metri cubi, 30 metri d’altezza e una lunghezza superiore a quella della Basilica di San Pietro!

Castel Toblino e lago omonimo vivono in simbiosi assoluta e indissolubile. Il complesso s’incastona magnificamente nel territorio, erigendosi su uno sperone roccioso staccatosi dalla montagna sovrastante e finito nel lago. L’incanto dei luoghi è aumentato dalla presenza di rare essenze arboree mediterranee come il leccio, il terebinto, l’olivo e da declivi coltivati a vigneto, tra i quali non si può non menzionare la Nosiola, varietà autoctona dalla quale si ricava il famoso vino santo.
Il castello deve la sua notorietà alla bellezza dell’ambiente e alle numerose leggende che esso ha suscitato. Circa 2.000 anni fa si pensava fosse abitato dalle fate e a loro, nel corso del III secolo, fu dedicata la costruzione di un tempietto. Con il passare del tempo, il tempio, avvolto nella sua aurea magica e religiosa, fu trasformato in una roccaforte di notevole importanza militare e strategica.

Durante l’Era Quaternaria, caratterizzata da ripetute glaciazioni che hanno interessato gran parte della Terra, la Valle dei Laghi è stata invasa dal ghiaccio. In particolare durante l’ultima glaciazione, chiamata “Würmiana”, scorreva lento il più grande ghiacciaio delle Alpi, paragonabile agli attuali giganteschi d’Alaska. Il suo passaggio ha lasciato tracce evidenti nella forma a gradoni della valle, nelle rocce levigate e striate, nelle morene laterali, nei pozzi glaciali e nel grande anfiteatro morenico del Garda. Nessuno dubita che i pozzi del Sentiero geologico Stoppani siano dovuti all’azione dell’ultima glaciazione, iniziata circa 110.000 anni fa.

L’Imperial Regio Casino di bersaglio di Vezzano, intitolato alla figlia dell'imperatore Francesco Giuseppe, l'arciduchessa Gisella, mostra ancor oggi, a distanza di secoli, le interessanti tracce di uno spaccato di storia relativo all’antico distretto tirolese di Vezzano, facente parte un tempo del sud Tirolo storico, che tocca la difesa territoriale per opera di quattro compagnie di Schützen.
Si tratta di uno dei primi insediamenti per l’esercitazione del tiro al bersaglio, le prime notizie risalgono al lontano 1708, proprio per addestrare i tiratori scelti all’uso delle armi.

 
    PROGRAMMA    
(scarica il programma)
Venerdì 25 maggio
 
Dalle ore 17.00 Accoglienza, registrazione e sistemazione degli equipaggi nel parcheggio riservato a Madruzzo (Trento) localita' Castel Toblino SS 45 bis (GPS 46°03'23.0"N 10°57'55.9"E)..
Ore 21.30 Esibizione coro i “Lambi Canti” di Giovo (Trento), nelle scuderie di Castel Toblino. Il repertorio proposto è composto da pezzi provenienti per lo più dalla tradizione popolare che descrivono ambienti, paesaggi, situazioni e sentimenti in cui non è difficile, per chi lo voglia, riconoscere qualcosa di se stesso (durata 1 ora).
Se si desidera stare seduti è necessario portarsi la sedia.
Sabato 26 maggio Il programma dettagliato della giornata sarà consegnato all’arrivo
  •  Passeggiata sul lungo lago di Toblino.
•  Visita guidata di Castel Toblino (durata 1 ora e mezza), non aperto al pubblico, ma le cui porte si apriranno per noi grazie alla disponibilità del proprietario.
•  Visita guidata alla Centrale di Santa Massenza (durata 2 ore).
E' obbligatorio per questioni di sicurezza indossare abbigliamento e calzature comode e senza tacchi adatte alle condizioni ambientali e logistiche del luogo (no infradito, ciabatte e sandali aperti); anche nei mesi estivi è necessario avere un capospalla caldo. Leggere le condizioni generali relative alla visita guidata.
•  Visita “Distilleria Francesco” e mostra “Santa Massenza, un viaggio tra turbine e alambicchi” (durata 1 ora).
•  Degustazione “quasi cena” presso distilleria con: affettati, crostini, cracker, polenta condita, vini e grappe.
Domenica 27 maggio  
Ore 09.00 Trasferimento con i camper a Vezzano (circa 4 km).
Ore 09.30 Facile passeggiata d’interesse geologico - naturalistico che prende nome dall'abate Antonio Stoppani (1824-1891), scienziato lombardo che per primo studiò i fenomeni glaciali della Valle dei Laghi.
Il sentiero ci conduce alla scoperta di alcuni pozzi glaciali, costituiti da “marmitte” scavate nella roccia dai ghiacciai che nel periodo di massima estensione raggiunsero uno spessore di circa 900 metri. Oltre alle marmitte, il sentiero attraversa lo storico poligono di tiro del settecento e tocca i ruderi della chiesetta medievale di S. Martino.
Ore 12.30 Pranzo presso l’Imperial Regio Casino di bersaglio, sede degli Schützen di Vezzano. Il pranzo sarà preceduto da alcuni cenni storici da parte del capitano della compagnia Schützen.

Prossimo appuntamento a Orta San Giulio (Novara) dal 22 al 24 giugno

 
    NOTE ORGANIZZATIVE    

Incontro aperto a tutti, a numero chiuso e con prenotazione obbligatoria. Numero massimo di 80 persone.
Il sistema accetterà la registrazione di ulteriori persone, oltre il numero massimo previsto di 80, esclusivamente per formare un’eventuale lista d’attesa da utilizzare in caso di rinunce e/o di ri-programmazione dell’evento in futuro.
Le registrazioni on line saranno aperte dalle ore 08.00 del giorno 12 aprile 2018.
E’ obbligatorio indicare nella registrazione cognome e nome di tutti i componenti dell'equipaggio.
Termine ultimo per le iscrizioni il 11 maggio 2018 e, comunque, fino a esaurimento dei posti disponibili.
Per iscriversi all’incontro cliccare qui. La conferma dell'avvenuta iscrizione alla manifestazione sarà inviata in un secondo tempo e non al termine della registrazione.
Ricevuta la conferma, sarà necessario perfezionare l'iscrizione con il versamento di una caparra (che non sarà restituita in caso di mancata partecipazione) di euro 25,50 a persona, tramite bonifico sul conto corrente presso Banca Carige S.p.A. filiale di Camisano Vicentino (VI) codice IBAN IT40O0617560231000000590380 - intestazione Arance di Natale Onlus - specificando la causale: incontro Valle dei Laghi 2018. (ATTENZIONE: il quinto carattere del codice IBAN non è uno zero ma una o maiuscola).
Il bonifico dovrà essere tassativamente fatto entro 10 giorni dal ricevimento della conferma e, in ogni caso, entro il termine ultimo per le iscrizioni, cioè il 11 maggio 2018. Il mancato versamento entro il termine stabilito comporterà la cancellazione definitiva, senza ulteriore avviso, della registrazione fatta.
Nel bonifico deve essere riportato il nominativo utilizzato in fase di iscrizione all’incontro.
Non inviate copia del bonifico eseguito.

 
    COSTI    

1) Quota di partecipazione: euro 20,00 per equipaggio, interamente destinati alle finalità 2017/2018 dell’associazione. La quota comprende: o tre barattoli di marmellata o un cappellino o una maglietta (specificare la taglia nella scheda iscrizione) a scelta.

2) Costo dell'incontro: euro 46,00 a persona. L’importo comprende: parcheggio, ingresso e visita guidata Castel Toblino; esibizione coro; parcheggio, biglietto d’ingresso e visita guidata Centrale idroelettrica; visita mostra e distilleria Santa Massenza; degustazione in distilleria; pranzo della domenica; utilizzo radioguide.
L’importo non comprende tutto quello che non è esplicitamente indicato. A titolo indicativo ma non esaustivo: costi carburante e pedaggi stradali/autostradali.
Menù pranzo della domenica: aperitivo alcolico e analcolico; piatto unico composto da due canederli con goulasch, piselli al prosciutto e capucci (servito in piatto multiporzione in plastica); strudel, vino Rebo (ottimo vino rosso), birra e acqua naturale in brocche, caffè.

3) Gli importi indicati ai punti 1) e 2), detratti i 25,50 euro a persona di caparra, dovranno essere versati al momento dell'arrivo alla sede del raduno.

 
    CONTATTI    

Per ulteriori informazioni contattare:
- Franco Zocca Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel. 0444611184 cell. 3483138013;
- Arance di Natale O.n.l.u.s. e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. cell. 3934478391.

 
    NOTA BENE    

Il programma dell'incontro è da considerarsi liberamente accettato e sottoscritto al momento della registrazione on line e/o del versamento della caparra/quota di partecipazione e non è minimamente suscettibile di modifiche da parte dei partecipanti.
L’associazione non si assume alcuna responsabilità per contrattempi, imprevisti, ritardi, variazioni di orari e/o date, insufficiente o mancata prestazione di servizi da parte di persone, collaboratori e agenzie esterne non direttamente dipendenti dall'organizzazione tecnica e logistica dell'incontro.
L'accettazione del programma da parte del capo equipaggio, per sé e per tutti i componenti del suo equipaggio, esonera espressamente l'organizzatore e l’associazione da ogni responsabilità in caso di incidenti, danni e furti che si dovessero eventualmente verificare durante lo svolgimento del raduno.

05.04.2018


 
 

I nostri eventi

Sfoglia i mesi, passa col mouse sui giorni

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
JSN Force template designed by JoomlaShine.com
Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione. Se accetti la loro memorizzazione migliori la tua esperienza.
Info Accetto Rifiuto